Caffè Italia - Crotone | Servizi
16021
page-template-default,page,page-id-16021,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,columns-3,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive
La pasticceria

Al Caffè Italia è possibile trovare diverse varietà della tradizione dolciaria tipica di alcune regioni italiane, come torte, biscotti, cannoli siciliani, mille foglie, babà, zeppole, la “pitta calabrese” e la pasticceria a base di mandorle. Queste ultime due costituiscono il trait d’union tra le tradizioni dolciarie calabresi, quelle italiane e quelle estere.

L’intera gastronomia risente, infatti, delle forti influenze ,soprattutto arabe. Si deve proprio agli arabi, per esempio, l’utilizzo in grande misura delle mandorle, abitualmente presenti nelle tipiche ricette regionali, come la pitta calabrese, in dialetto conosciuta come “pitta ‘nchiusa”, che trae le proprie origini da un’usanza propria dei contadini della Sila, i quali utilizzavano i frutti della terra che avevano a portata di mano per comporre il loro dolce.

Con l’andare degli anni i contadini raffinarono i loro gusti e quell’antico dolce rustico venne elaborato e perfezionato con l’aggiunta di aromi naturali, fino a dar vita a quella che noi oggi apprezziamo come “pitta ‘nchiusa”. Questa prassi di perfezionamento e miglioramento della lavorazione di tanti ingredienti, come il garofano, la cannella, le bucce di arancia essiccata, il vino liquoroso, anch’essi di derivazione araba, per adeguare i prodotti al mutamento dei gusti e renderli più stuzzicanti e deliziosi, è stata la via maestra per elevare la pasticceria calabrese a un ben meritato rango di pregevolezza.

La caffetteria

I tè, gli infusi, le tisane, manche il famoso nocciolino e il caffè freddo….tutto da gustare in due diverse sale: quella esterna, dove è possibile respirare l’atmosfera del centro cittadino, i profumi del mercato e l’architettura delle 32 colonne neodoriche (i portici); e quella interna, dove tra storia tradizione e ilarità degustare un buon caffè è tutta un’altra esperienza.